fbpx

Antonella Mundo

Founder e AD @ The Swiss Clinic

Speaking Sessions

Biografia

Antonella Mundo è mamma di tre figli di 2,20 e 24 anni ed un’imprenditrice che lavora con le donne dal 2015. La sua missione è aiutare coloro i quali non si sentono a proprio agio con il proprio corpo, ad identificare un percorso estetico di miglioramento e di rinascita. 

Prima di diventare una Personal advisor di successo, Antonella ha lavorato per molti anni come venditrice porta a porta di diversi prodotti per poi diventare responsabile vendita di una importate agenzia TIM di Torino. La sua determinazione e ambizione emergono già da giovanissima, la spingono a tentare la strada da imprenditrice a soli 23 anni aprendo un negozio di abbigliamento, chiuso però precocemente a causa di un difficile divorzio. 

Oggi, oltre al ruolo di consulente di bellezza, Antonella è titolare di un’importante società Svizzera: The Swiss Clinic, che ha come scopo offrire i migliori servizi di medicina, chirurgia ed estetica, grazie ad un’ampia rete di professionisti operanti nel settore e, formare nuove figure di Personal Advisor. 

Antonella è conosciuta nel web come “Labossdelletette”, soprannome affidatole dalle clienti stesse data la sua enorme e comprovata esperienza nel settore della consulenza del seno, dal 2015 ha seguito oltre 5000 donne che hanno affrontato un intervento di chirurgia estetica. 

Avendo lei stessa affrontato diversi interventi estetici, riesce facilmente ad entrare in empatia con le persone, che si rivolgono a lei anche solo per una parola di conforto. 

Antonella ha un percorso personale molto difficile che la porta ad un certo punto della sua vita anche a cambiare il proprio cognome, decide di raccontarlo in un libro autobiografico intitolato Labossdelletette con l’intento di risvegliare le anime delle donne in difficoltà. È sicuramente un libro che vuole dare speranza, e, lo fa con l’esempio. 

Proprio per la sua determinazione e la voglia di rivincita nei confronti della vita che nel 2021 accetta un nuovo progetto completamente estraneo al suo lavoro e, nasce il brand Bossy, una scarpa senza identità di genere creata dallo scarto della mela, la mela che Eva offrì ad Adamo.